Un concerto in montagna

Malga Molvine – La giusta distanza 

Sospesi sopra le montagne. Una sensazione simile al volare. Suonando.

Di un titolo dovremmo farne un motto per ogni fatto, azione, sentimento. Senza perdere il coinvolgimento.

Fotografia di Arcangelo Piai.

La newsletter di fine giugno

ESTATE

Dove ci porta questa splendida stagione?

L’estate mi dà soddisfazione non lo nego. Ci porta più in uno stato di vacanza. E’ come se fosse un periodo di vita ideale, di un tempo, finalmente, da trascorrere beati. Il grano fotografato in apertura è un’immagine ideale. Che ne dite? La natura che esplode, che si esprime al suo massimo livello.
Questa settimana appena trascorsa mi ha portato in val d’Orcia.Vi porto un poco insieme a me.
Ho pubblicato un’altra foto su Facebook che è stata molto gettonata. Quasi al tramonto sulla via del ritorno. Il sentiero tracciato dai mezzi meccanici invitava proprio ad entrarci dentro. La foto è stata scattata dal cellulare che sembra proprio risentire della calura di quel fine pomeriggio, l’autofocus si è lasciato ingannare e devo dire che il risultato rende molto un senso pittorico che, anche se non tra i miei favoriti, soddisfa e rende l’dea. A volte gli errori vengono tanto in aiuto.

Vi confesso che è da un poco di tempo che sto pensando di fare una serie di video su come migliorare le foto fatte con il cellulare, almeno quello che ho imparato in questi anni. Siamo circondati da “giocattoli” da cui potremmo trarre il meglio e che sottosfruttiamo. Presto mi cimenterò sperando che questo vi possa aiutare.

Il video in diretta che ora è su Youtube dal titolo “Strade” è visibile a tutti e vi consiglio di guardarlo. E’ più breve di tutti gli altri e prende le mosse da Jack London e il suo libro “La strada”, per poi presentarvi un personaggio interessantissimo, un fotografo tra i miei preferiti, Jordan Verdin che ha fatto della strada una missione arrivando a creare un servizio di docce itineranti per i senzatetto di San Diego. Questa è la strada che mi affascina, che ci arricchisce e crea unità tra il fotografo e la sua essenza. Ve lo ripropongo e vi invito nuovamente a guardarlo.

Mercoledì è uscito il nuovo episodio del podcast delle avventure di Rugamastra. Anche qui vi suggerisco di ascoltarlo: due minuti e mezzo di racconto surreale che vi renderà l’estate più fresca. Stateci però attenti perchè crea dipendenza. Il titolo è :”Il lampadario“.

Ora vado a preparare le prossima diretta che sarà un omaggio all’Estate. Partirò dalle mie foto come sempre  per poi portarvi ad altre foto di grandi fotografi, quelli veri e stimolanti. L’appuntamento è su Youtube sul mio canale, se vi iscrivete riceverete in automatico la notifica ogniqualvolta pubblicherò un nuovo video. Prometto che dureranno una ventina di minuti e saranno molto freschi.

Con la Banda Osiris abbiamo ripreso ad esibirci nelle varie piazze italiane, è un piacere enorme, una soddisfazione. Vi lascio un collegamento per scoprire dove ci hanno invitato: il calendario.

Per chiudere prima dei saluti vi mostro un foto di Bagno Vignoni. La piazza del paese è la grande vasca di acqua con l’acqua bollente, un posto magico ed affascinante.

Vi saluto e vi auguro buona Estate.

ciao,

roberto

Bagno Vignoni

Se vuoi ricevere questa newsletter direttamente nella tua casella di posta elettronica è semplice, basta cliccare sul bottone arancione qui sotto. Più o meno una alla settimana e se hai effettuato l’iscrizione per i prodotti a pagamanto, spettacoli od eventi on line un  bellissimo sconto.

Strade

Le strade. Tra racconto e fotografia come sempre, un viaggio che attraversa America, Europa passando per Jack London senza tralasciare l’Italia di Tano D’amico. Un’idea di fotografia nella strada, con un coinvolgimento umano, personale e sociale. Per parlare della strada bisogna essere nella strada. Insomma quella che vediamo qui è una fotografia utile. Un viaggio molto parziale ma nuovo e diverso, come sempre un poco eretico.

Se ti interessano altre puntate delle dirette le puoi trovare cliccando sul bottone qui sotto. Quello arancione.

Rugamastra – episodio 4 “Il treno”

Non trovo più il treno!
E’ impossibile, lei non è il presidente delle ferrovie dello stato?
Rugamastra si precipita per aiutare il sig. Saltrati, riuscirà anche questa volta a risolvere questa intricata faccenda? Il podcast più surreale dell’estate continua.
Voce, testi, musiche by Roberto Carlone.

Vuoi essere avvisato ogni mercoledì quando esce il nuovo episodio? Iscriviti alla newsletter. La riceverai direttamente nella tua casella di posta elettronica ed in più sarai aggiornato su tutte le mie novità, spettacoli, eventi, presenze dal vivo, dirette sulla fotografia. Clicca qui sotto.

Rugamastra – episodio 3 “Il latte”

Non trovo più la bottiglia del latte!
Cosa gli era successo, qualcuno l’aveva nascosta? chi era stato e perchè?
Rugamastra in un nuovo episodio. Riuscirà ad aiutare il sig. Saltrati?
Voce, testi, musiche by Roberto Carlone.

Vuoi essere avvisato ogni mercoledì quando esce il nuovo episodio? Iscriviti alla newsletter. La riceverai direttamente nella tua casella di posta elettronica ed in più sarai aggiornato su tutte le mie novità, spettacoli, eventi, presenze dal vivo, dirette sulla fotografia. Clicca qui sotto.

Radio

La Radio nelle fotografie, diretta facebook: Jimi Hendrix, radio Alice, Orson Welles e gli studi dove sono stato. E naturalmente Rugamastra il mio podcast neonato. Un viaggio fotografico all’interno della radio, curiosità, analisi, segreti.

La fisicità e la radio. La sua evoluzione. Dalle radio ribelli a quelle commerciali. Il mondo fantastico in cui ci proiettano, essere in un altrove perchè nessuno guarda. Rumori, suoni e voci.

Rugamastra – episodio 2 “Le scarpe”

Non trovo più le scarpe!
Cosa gli era successo? Non era possibile perderle.
Rugamastra come sempre in aiuto del sig. Saltrati.
Voce, musiche, testi di Roberto Carlone
Il secondo episodio della serie podcast più stralunata di sempre!

 

Se vuoi essere avvisato ogni mercoledì quando esce un nuovo episodio iscriviti alla newsletter. La riceverai direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Vivian Maier

Un’insolita Vivian Maier, un viaggio eretico nell’ultimo anno della grande fotografa. Un viaggio nell’ultimo anno di vita della fotografa. Foto rare, racconti, resoconti delle ricerche. Tutto questo per riequilibrare tante imprecisioni e leggerezze raccontateci fino ad ora.

Mercoledì 28 aprile alle ore 21.00 terrò lo spettacolo in diretta e dal vivo sulla sua storia. Gli occhi di Vivian Maier – I’m a camera. Scopri di più cliccando sul bottone qui sotto.