Chi sono

Roberto Carlone nasce a Vercelli l’8 aprile 1955. Dopo aver completato gli studi tecnici collabora nel 1978 con il Centro di Ricerca per il Teatro (CRT) di Milano come coordinatore progetto Grotowski. Nel 1979 collabora come conduttore a Radio Occhio.  Nel 1980 fonda la Banda Osiris considerata la più eclettica formazione comico musicale italiana con la quale tuttora svolge la sua attività principale scrivendo 18 spettacoli teatrali, rappresentando più di 2.800 repliche nei più prestigiosi teatri italiani (Piccolo Teatro di Milano, Petruzzelli di Bari, Colosseo di Torino, Olimpico di Roma)  e in diversi Festival internazionali (Spagna, Portogallo, Belgio, Francia, Svizzera, Germania, Svezia, Inghilterra,  Grecia, Perù, Messico, Argentina, Tunisia, Egitto), co-autore di svariate colonne sonore per Matteo Garrone, Silvio Soldini, Cristina Comencini, Antonio Albanese, si aggiudica l’orso d’argento alla Berlinale 2004 e il David di Donatello come miglior colonna sonora per il film “Primo amore”. Autore di diverse sigle televisive e radiofoniche (Parla con me, Caterpillar, Un giorno da Pecora). Autore di 2 libri (L’opera da tre Sol, Le dolenti note). 

Nel 2012 ha creato con Caterina Cavallari e diretto “PianoForte Sostenibile” una rassegna trasversale dedicata esclusivamente al pianoforte. 

Nel 2013 e 2014 è stato direttore artistico della “Festa della musica” a Portogruaro.

Nel 2013 ha presentato la sua composizione “Musicadacqua” concerto per remi, barche, fiati e percussioni.

Nel 2014 ha presentato una mostra fotografica “Paesaggi parziali” su un viaggio in California e Nevada.

Nel 2015 ha composto ed eseguito le musiche per “Carta inchiostro e benzina” uno spettacolo teatrale di Giampiero Bracciali.

Nel 2016 ha scritto ed interpretato lo spettacolo teatrale “Gli occhi di Vivian Maier (I’m a camera)” regia di Caterina Cavallari e Roberto Carlone presentato in Italia, Francia e Svizzera.

Nel 2017 ha presentato una mostra fotografica “Sogni“.

Nel 2018 ha curato con Caterina Cavallari “L’autre Vivian” un’ allestimento multimediale con le uniche foto originali stampate da Vivian Maier al castello dei Vescovi di Luni a Castelnuovo Magra. Esce per le edizioni ETS il libro “L’autre Vivian. Un viaggio inedito nella Francia di Vivian Maier“.

Nel 2020 nasce il progetto “Fotografie da Appartamento” una raccolta di 65 fotografie durante il periodo della quarantena dovuta al COVID 19, il progetto si estende fino ad una sinfonia digitale presentata esclusivamente in diretta e per un numero limitato di persone. E’ volto ad una ricerca creativa, sperimentale ed altamente innovativa per la piattaforma zoom verso una nuova dimensione di spettacolo.