martedì 11 agosto


“Non mi devi parlare di altre cose, mi devi parlare di te”  #01

Mi sveglio presto la mattina. Per restare allenato vado a correre anche se in realtà si tratta di una camminata veloce. A quell’ora è ancora fresco e si può fare qualche piccolo sforzo che l’aria è ancora fresca, perlomeno in toscana a 300 m di altidudine.

La prima immagine che mi colpisce è la luce radente che taglia la natura. Il percorso è in controluce. Vedo il sole che gioca con i rami di un albero che ha patito il caldo, forse quello che ha patito meno, gli altri vicino a lui hanno sofferto di più. Sullo sfondo plastica, tanta plastica, un tendone ripieno di giochi di plastica per far divertire i bambini, per dargli un bell’insegnamento. Scatto convinto che la natura, nonostante l’homo sapiens che siamo diventati in questo millenio, vince e vincerà sempre. Ne testimonio la fatica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.